Pubs e birrerie

In Russia ciò che viene chiamato da noi birreria o all’inglese pub, si chiama “Pivnoi bar”. In un pivnoi bar si può bere birre alla spina locali e estere, il costo di una pinta va da 80 rubli (2 euro), a 200 (5 euro). Le birre russe sono di qualità abbastanza buona, le più diffuse sono la Baltika, la Nevskoe, la più economica Bochka e la ottima Vasileostrovskaya, prodotta direttamente a Pietroburgo. Più che da noi, vi è solitamente un’ampia scelta di piatti, oltre ai tradizionali “grenki”, deliziosi bastoncini di pane nero fritti e serviti con salse. I pivnoi bar sono aperti fino a molto tardi, alcuni lavorano 24 ore su 24. Sono solitamente abbastanza affollati, anche se non è usanza stare in piedi, e purtroppo molto fumosi. Come in altri esercizi, per tutelare l’ordine e la sicurezza, sono presenti all’entrata dei buttafuori che potrebbero farvi una rapida perquisizione. Sono presenti a San Pietroburgo diverse catene: la più famosa semplicemente SPB, presente in molti punti strategici della città; la più centrale su Uliza Sadovaya angolo Nevskij Prospekt.

Tolsti Frauer è un’altra catena, di proprietà del popolare chansonnier Rosenbaum, di modello simil-tedesco; in centro lo potete trovare in Uliza Dumskaya (metro Nevskij Prospekt), e Avstriiskaya Ploshad (metro Gorkovskaya). Davanti alla metro Svenigorodskaya trovate Pivnaya 0,5, pub dal design originale. Generalmente le vie intorno a Ploshad Vosstaniya, la centrale piazza in fondo a Nevskij Prospekt,  offrono tantissime varianti. Il nostro consiglio, se avete la curiosità, è di camminare per la città e scegliere la vostra pivnaya, magari più difficile da trovare perchè non facente parte di una catena, ma più “pietroburghese” e ruspante.

3 pensieri su “Pubs e birrerie

  1. ma i grenki di cui parli, sarebbero i sucharniki? ahi, mi sa che sto imparando il russo mischiato all’ucraino!!
    comunque a me la birra non piace per niente… aspetterò con impazienza un tuo post professionale sulla vodka!! davai!!! 😉

  2. Barbarella, no, i sukhariki, che derivano dalla parola “sukhoi”, sono
    quelli secchi venduti in pacchettini tipo patatine.
    I grenki sono pane nero tagliato a tocchi, fritto e servito con mayonese
    o salsa all’aglio, con la birra vanno a nozze.
    Sulla vodka? Va bene ogni tuo desiderio è un ordine 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...