La Petrogradskaya Storona

La Petrogradskaya Storona è il punto dal quale iniziò la costruzione della città. Senza dubbio è uno dei quartieri più affascinanti, per le sue vie e per i suoi edifici dotati di uno stile unico.  Si collega al centro della città tramite il ponte della Trinità, e a Vasilevski Ostrov tramite il Birzhevoi e Tuchkov. Ospita uno dei simboli della città: la fortezza di Pietro e Paolo, progettata da Domenico Trezzini nel 1703, riconoscibile per il pennone dorato della sua cattedrale e protagonista delle foto che ritraggono la città nel corso delle notti bianche. Nella storia della città la fortezza ha avuto diversi ruoli, come comando militare e come prigione. Oggi è un museo. Dietro alla fortezza c’è lo splendido parco Aleksandrovskiy, dove ci sono il teatro Baltiiski Dom, lo zoo e il planetario. Nella bella stagione il parco è un luogo gradevole dove passeggiare e rilassarsi, pur rimanendo nel centro città. Al suo interno la Petrogradskaya Storona racchiude edifici dall’alto valore artistico: su Kammenostrovskiy  e Bolshoi Prospekt, le due arterie principali, e nelle vie interne, come Uliza Lenina, Kronverskiy Prospekt, Uliza Chapaeva. Il quartiere è popolato in maniera densissima, e da una recente stima emerge che Ploshad Lva Tolstova sia il punto più inquinato dell’intera San Pietroburgo. Sul lato orientale è ormeggiato l’incrociatore Aurora, famoso per aver dato il segnale d’inizio della rivoluzione d’ottobre con un colpo di cannone. Dal 2011 l’incrociatore, nonostante le proteste della flotta del Baltico, è ufficialmente in pensione, ed è un museo frequentatissimo. Non lontano dall’Aurora si trova la splendida moschea di Konny Pereulok, davanti alla quale i venerdì si radunano i praticanti di religione musulmana. Sul lato occidentale si staglia lo stadio Petrovskiy, la casa dell’amatissima squadra di calcio locale, lo Zenit. Non è raro, nei giorni di campionato, incontrare orde di “Zenitovzi”, riconoscibili per le sciarpette azzurre, passeggiare per il quartiere e sostare nei cortili e nei giardinetti, scandendo cori e bevendo birra. Per gli amanti del rock, in Uliza Blochina 13, vicino alla metro Sportivnaya, c’è il Kamchatka, pittoresco locale-museo che vide l’ascesa di Viktor Tsoi, leggendario cantante della seconda metà degli ’80. Tsoi, scomparso prematuramente nel ’91 e popolarissimo in tutta la Russia, viene cantato e osannato da adolescenti e non, i quali si radunano periodicamente davanti al Kamchatka e in altri punti della città. Per i nostalgici nel quartiere sono presenti ben due busti di Lenin: uno all’angolo di Ul. Lenina e Bolshoi Prospekt, l’altro  in un parchetto lungo Kammenoostrovskiy Pr. all’altezza di Bolshaya Monetnaya. La Petrogradskaya Storona è servita da due linee della metro: la linea violetta, con le stazioni Sportivnaya (presso lo stadio Petrovsky) e Chkalovskaya, e la linea azzurra , con le stazioni Gorkovskaya (parco Aleksandrovsky) e Petrogradskaya. Da vedere la struttura avvenieristica e “spaziale” della metro Gorkovskaya, recentemente ristrutturata.

Un pensiero su “La Petrogradskaya Storona

  1. στον παραδεισο οδηγει η σκοπιμη καταστροφη του δημοσιου απο το συστημα ΝΔ-ΠΑΣΟΚ-ΜΕΓΚΑ-ΣΚΑΙ..στη φυλακη για τροχαια παραβαση 179 δολλαριων..οι ιδιωτικες εισπρακτικες εταιρειες την εβαλαν φυλακη,και την χρεωναν για καθε μερα που ηταν στην φυλακη μεχρι να πληρωσει..χρεος μεχρι τωρα 3170 δολλαρια,και 40 μερες φυλακη..Unable to pay, she was handed over to a prative probation company and jailed charged an additional fee for each day behind bars.For that driving offense, Ms. Ray has been locked up three times for a total of 40 days and owes $3,170, much of it to the probation company.Her story is about the mushrooming of fines and fees levied by money-starved towns across the country and the for-profit businesses that administer the system. The result is that growing numbers of poor people, like Ms. Ray, are ending up jailed and in debt for minor infractions. https://www.nytimes.com/2012/07/03/us/probation-fees-multiply-as-companies-profit.html?_r=1&hp

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...